Home > Donatori Sangue > Emergenza sangue!
Emergenza sangue!
Giovedì 09 Febbraio 2012
goccia_sangueQuesta mattina il Centro Regionale Sangue ci ha comunicato la mancanza di 600 sacche, nei giorni scorsi sono mancate tra le 400 e le 500 sacche ogni giorno, ma la situazione è precipitata con l’emergenza causata dalla nevicata.
Abbiamo dovuto cancellare diverse raccolte esterne e dalle altre regioni d’Italia non arriva sangue.

Per la donazione di sangue intero questi sono i Centri convenzionati con la CRI:

S. Camillo Forlanini – piazza Carlo Forlanini, 1  Roma – U.O.S. Centro Trasfusionale: plesso Osp. Forlanini, la sala prelievi si trova nel Corpo “E” al 1° piano;

S. Spirito – via dei Penitenzieri, 13  Roma

San Filippo Neri – via Martinetti, 20  Roma

Policlinico Tor Vergata – viale Oxford, 81  Roma – U.O.S.D. Medicina Trasfusionale: entrando dall’ingresso principale (delle bandiere) recarsi all’ 1° corridoio a destra dopo il bar e poi la seconda porta a sinistra dopo il vano ascensori.

Policlinico Gemelli – l.go Agostino Gemelli, 8 – Roma – U.O.C. Emotrasfusione: Nuova Piastra Tecnologica Polifunzionale piano -1, entrando dal Pronto Soccorso seguire le indicazioni

S. Paolo (ASL RM F) – largo Donatori di Sangue  Civitavecchia (RM)

S. Giovanni Evangelista (ASL RM G) – via Parrozzani, 3  Tivoli (RM)

S. Sebastiano (ASL RM H) – via Tuscolana, 2  Frascati (RM)

Ospedale di Anzio (ASL RM H) – via Cupa dei Marmi snc  Anzio (RM)

Paolo Colombo (ASL RM H) Ospedale di Velletri – via Orti Ginnetti, 7 Velletri (RM) – Servizio Medicina Trasfusionale:  piano terra

Per la donazione di piastrine o plasma questi sono i Centri convenzionati con la CRI, ove recarsi (in ordine di priorità):

Policlinico Tor Vergata – viale Oxford, 81  Roma - viale Oxford, 81  Roma – U.O.S.D. Medicina Trasfusionale: entrando dall’ingresso principale (delle bandiere) recarsi all’ 1° corridoio a destra dopo il bar e poi la seconda porta a sinistra dopo il vano ascensori.

Policlinico Gemelli – l.go Agostino Gemelli, 8 – Roma – U.O.C. Emotrasfusione: Nuova Piastra Tecnologica Polifunzionale piano -1, entrando dal Pronto Soccorso seguire le indicazioni

S. Camillo Forlanini – piazza Carlo Forlanini, 1  Roma - U.O.S. Centro Trasfusionale, plesso Osp. Forlanini, la sala prelievi si trova nel Corpo “E” al 1° piano

La donazione di piastrine o piastrinoaferesi consiste nel prelievo delle sole piastrine, la donazione di plasma o plasmaaferesi consiste nel prelievo del plasma. Oltre ai requisiti necessari alla donazione di sangue intero, il donatore di piastrine dovrà avere un normale assetto emocoagulativo e dovrà essere in età compresa fra i 18 ed i 60 anni.

La donazione si effettua attraverso un apposito macchinario che  preleva il sangue venoso, separa le piastrine, che vengono estratte automaticamente a circuito chiuso che senza possibilità di contaminazione vengono raccolte in una apposita sacca, mentre il restante sangue, composto di plasma, globuli rossi e globuli bianchi viene restituito al donatore. Il ciclo dura all’incirca 60/90 minuti.

Le piastrine prelevate al donatore vengono ricostituite dal midollo osseo entro pochi giorni;

VANTAGGI: Evita il depauperamento del ferro nel donatore.
SVANTAGGI:  l'unico svantaggio è rappresentato dal tempo che può variare da sessanta a novanta minuti in base alla procedura ed alle caratteristiche fisiche del donatore.

REQUISITO ESSENZIALE: ottimi accessi venosi perché vengono inseriti uno o due aghi (a seconda del tipo di macchinario impiegato) da donazione di sangue.

PROCEDURA: presentarsi al Servizio Trasfusionale ove verrà effettuata la visita di idoneità per la donazione con il separatore cellulare dove avverrà la verifica di un adeguato accesso venoso, il prelievo di un campione di sangue (per valutazione idoneo assetto emocoagulativo e conta piastrinica) ed esame elettrocardiografico.

Verificata l’idoneità verrà concordato l’appuntamento per la donazione.

La Croce Rossa Italiana annovera, fra i suoi compiti statutari, la promozione e la diffusione della coscienza trasfusionale, l’organizzazione e l’effettuazione delle raccolte di sangue sono poi l’attività concreta che si traduce in servizio a favore del cittadino sofferente.

L’Istituto Superiore di Sanità ha calcolato che per ogni 100 abitanti vi sia la necessità di raccogliere 4 unità di sangue ogni anno, purtroppo nel Lazio questo obiettivo non si raggiunge, ma più particolarmente nella zona di Roma siamo sempre in piena emergenza sangue,  infatti si arriva a raccoglierne soltanto 1,8 unità ogni 100 abitanti ne consegue che siamo con la mancanza di sangue ogni giorno dell’anno e particolarmente la situazione si aggrava drammaticamente nei periodi in cui noi donatori di sangue romani siamo distratti dalle vacanze, dalla metà di luglio fino al 15/20 settembre e dal 26 di dicembre fino al 28 di febbraio.

Nello svolgere i suoi compiti statutari, la CRI, concorre al raggiungimento delle finalità ed all'adempimento dei compiti del Servizio sanitario nazionale svolge attività e servizi sanitari e socio-assistenziali per conto dello Stato, delle Regioni e degli altri Enti pubblici e privati, promuove la donazione del sangue organizzando i donatori volontari, collabora con le proprie strutture alle attività trasfusionali del Sevizio sanitario nazionale e inoltre collabora con le Forze Armate per il servizio di assistenza sanitaria.

Pertanto, proprio per le peculiarità della struttura della Croce Rossa l’appello che ci è stato rivolto è stato particolarmente pressante e tutti confidano nelle nostre capacità organizzative per ottenere, in tempi rapidissimi, risultati concreti.